"Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto." (Italo Calvino)
Benvenuto, Ospite
Nome Utente Password: Ricordami
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO: [#7] Acqua (racconti)

[#7] Acqua (racconti) 01/09/2015 08:00 #16254

No, non siamo ancora soddisfatti, e non lo saremo finché la giustizia non scorrerà come l'acqua e il diritto come un fiume possente.
I have a dream - Martin Luther King Jr.



Acqua è il tema della settima tornata di UniVersi, c'è tempo fino al 15 ottobre compreso per postare il proprio racconto in gara.

Ricordatevi che:
- Il limite massimo di battute consentito per questa tornata è 12000 (spazi compresi, titolo escluso); potete controllare il numero esatto di battute dei vostri racconti su questo sito gratuito.
- I racconti devono avere un proprio titolo e devono essere postati in forma anonima, effettuando il login con nome utente Titivillus e password universi.
- Qui potete trovare il regolamento completo.



RACCONTI IN GARA

- Inshallah (11.972)
- La Cura (8.805)
- Pioggia (462)
  • Tavajigen
  • Offline
  • Direttore Marketing
  • Messaggi: 2699
Ehi dol! Bel dol! Suona un dong dillo!
Suona un dong! Salta ancor! Salice bal billo!
Tom Bom, bel Tom, Tom Bombadillo!
Ultima modifica: 16/10/2015 07:51 Da Tavajigen.
L'Argomento è stato bloccato.

Re: [#7] Acqua (racconti) 15/10/2015 19:51 #16394

Inshallah

Talal non aveva mai visto uno spettacolo simile in tutta la sua vita. Pensò al suo villaggio in Cisgiordania, a come non gli fosse mai stato possibile allontanarsi legalmente per più di pochi chilometri dall'abitato. Questo perché suo padre era stato un agitatore politico ed era in carcere da più di quindici anni. Non l'aveva quasi conosciuto e di lui non aveva altro che i ricordi di bambino. Non avrebbe mai ottenuto i documenti per potersi trasferire, per poter viaggiare o studiare all'estero. Non poteva richiedere nemmeno quelli per lavorare in Israele, come persona di servizio o bracciante, tanto meno quelli per poter svolgere i lavori stagionali negli insediamenti. Non contava nulla il fatto che suo padre fosse stato iscritto a un partito o che avesse compiuto la sua attività sindacale alla luce del sole. Per il nemico era solo un terrorista.
Guardò ancora verso il basso e gli occhi vennero folgorati dai mille riflessi del sole sull'acqua nell'immenso bacino. Strinse le palpebre per il fastidio ma continuò a guardare oltre il parapetto di cemento, ammirato dalla quantità e dalla forza di quel liquido così raro nella sua arida terra. Inevitabilmente la sua mente andò a ricordare un episodio della sua infanzia, accaduto poco dopo l'arresto del padre.
Era a casa dei nonni e nell'aria vi era l'aroma della sua torta preferita, la kunafa, il tipico dolce egiziano a base di pistacchi, mandorle e uvetta. Sua nonna, seppure palestinese, era originaria de Il Cairo e sapeva come il nipote avesse una particolare predilezione per quella torta, semplice eppure ricca. Il nonno gli aveva chiesto di andare a sedersi vicino a lui, nella magra striscia di terra che contornava il retro della casa, poco più di una baracca.
“Talal, non devi essere triste per tuo padre, mio figlio. E' in carcere per una giusta causa e presto ne uscirà, vedrai: l'Onu non potrà accettare che continuino ad esistere ingiustizie simili”.
Anche il nonno era un idealista e un ingenuo, trascorsi diversi anni ormai il ragazzo ne aveva la drammatica consapevolezza. Nella mente di Talal erano però rimaste impresse le successive parole dell'anziano, morto pochi anni dopo quella conversazione.
“Quando avevo la tua età, i sionisti non erano ancora arrivati e con i miei genitori vivevamo nel deserto, nomadi da un'oasi all'altra. Ricordati sempre di quanto sia importante l'acqua, Talal, perché è fondamentale per l'esistenza di tutte le creature. Gli ebrei ce l'hanno tolta, obbligandoci a vivere in queste terre aride e ce ne lasciano solo un filo, il necessario per non morire, impedendoci però di prosperare. Onora sempre l'acqua, perché è sacra. Non devi dimenticarlo mai, promettimelo”.
Talal pronunciò sottovoce le parole “Lo prometto”, con la stessa solennità con cui le aveva pronunciate allora, rivolte all'amato vecchio.
Si riscosse e provò fastidio per la fatica e il sudore che lo ricopriva dalla testa ai piedi. Fece scorrere le braccia attraverso gli spallacci e lo zaino pesante che portava sulla schiena finalmente scivolò a terra. Si stirò con vigore, dopo tirò fuori dal sacco un pesante contenitore di metallo. Talal sapeva di essere ancora in grado di svolgere il proprio compito, anche se non poteva permettersi di perdere ulteriore tempo. Eppure tutta quell'acqua davanti a lui non poteva che fargli ricordare un altro momento della sua vita.
Se si sforzava poteva ancora sentire sulla pelle il vento che faceva muovere le fronde degli ulivi, in una sera di sette anni prima. Ricordava di essere seduto a terra, appena quindicenne, colmo di imbarazzo e allo stesso tempo di eccitazione. La ragione della sua alterazione era seduta di fronte a lui, la cugina Nadira, più grande di due anni. La ragazza era arrivata da poco al villaggio, proveniente da Beirut, e agli occhi del ragazzino appariva esotica e bellissima. In famiglia vi era stata molta curiosità per quel ritorno, poiché il padre di Nadira aveva vissuto all'estero per più di vent'anni. Molti non lo vedevano dalla sua partenza per il Libano e non avevano potuto nemmeno mai incontrarne la moglie e l'unica figlia. Era considerato un cattivo musulmano e si mormorava che in realtà fosse ateo e comunista, anche se in passato aveva collaborato con Hezbollah. A Talal lo zio era sembrato un gigante, un uomo alto e distinto, con un accento così diverso da quello che sentiva abitualmente. Il ragazzo non voleva nemmeno ascoltare le voci sul fatto che il ritorno a casa del suo parente fosse dovuto a dei debiti di gioco e non a una scelta politica.
Nadira lo guardò dritto negli occhi e sorrise indovinando l'ammirazione del cugino più giovane nei suoi confronti.
“Talal, hai mai visto il mare? Ovviamente no, dalla Cisgiordania non si può quasi uscire al giorno d'oggi. Beh, quello che mi mancherà di più di Beirut è il mare, così grande e immenso e meraviglioso”.
Il ragazzo annuì, ma non riuscì a proferire che qualche monosillabo, arrossendo sempre più imbarazzato. Dopo cena Nadira l'aveva preso per mano e l'aveva trascinato con sé nel magro oliveto "Stanca di ascoltare, le quattro stronzate di mio padre”.
“Ogni volta che mi era possibile, durante l'estate, andavo a fare il bagno di nascosto, assieme alle mie compagne cristiane. Loro non hanno i problemi che abbiano noi musulmane a mostrare il corpo e il bagno è meglio farlo in bikini piuttosto che avvolte nell'hijab”.
La ragazza si beò nel vedere come Talal immaginasse quella scena così eccitante, una spiaggia piena di donne seminude.
“Cugino, hai mai baciato una ragazza?”
Talal sentiva ancora quelle parole e nei momenti più impensati, durante la veglia o il sonno. Nadira si era avvicinata a lui, eccitata a sua volta dall'interesse del ragazzo più giovane e aveva posato delicatamente le proprie labbra su quelle del cugino. In realtà Nadira non era così esperta come avrebbe voluto far credere ed era più pudica di quanto non millantasse.
Quando erano tornati a casa, il fratello del ragazzo, Mohammad, diventato il capofamiglia ancorché giovanissimo, dopo l'incarcerazione del padre e la morte del nonno, li affrontò a muso duro. A quanto pareva, un'altra loro parente, li aveva visti baciarsi e aveva spifferato tutto agli adulti. Anche il padre di Nadira sembrava arrabbiato e allo stesso tempo divertito. Il fratello maggiore redarguì il fratello minore e lo schiaffeggiò di fronte a tutti, ma quello che lo fece andare in bestia, fu notare la piccola macchia umida e scura sui pantaloncini chiari di Talal. Le emozioni erano state troppo forti e il ragazzino non era riuscito a trattenersi, senza accorgersene.
“Vergognati, figlio di un demone! Hai profanato il corpo di Nadira, la nostra ospite”.
Mohammad era molto rigido, poiché si era rivolto al Corano e alla jihad per cercare un sostegno per il suo duro compito. Anche se lo zio non avrebbe voluto che Talal venisse punito fisicamente, Mohammad lo frustò davanti a tutti. Nadira pianse e chiese che il cugino fosse lasciato in pace, ma venne ignorata.
Chi aveva profanato il corpo di chi? Talal se l'era chiesto a lungo, in maniera incessante, notte dopo notte. Non aveva mai più visto Nadira, eppure sapeva che alla fine lei era riuscita ad andare a vivere in Canada. Scosse la testa e prese il contenitore di metallo, aprendo il tappo posto sulla sommità con grande circospezione. Il contenuto era un veleno micidiale e la sua missione era quella di inquinare l'acqua del bacino, destinata a un kibbutz poco lontano. Entro pochi minuti gli israeliani avrebbero aperto una piccola chiusa e l'acqua sarebbe stata risucchiata verso le grandi tubazioni che l'avrebbero condotta poi a destinazione. Talal salì sul parapetto di cemento, nascosto da una delle torrette di controllo del camminamento sopra la diga e poggiò accanto ai piedi la tanica di metallo. Terminato di versare il veleno, ne bastava un piccolissima quantità per metro cubo d'acqua per essere letale, doveva buttare il contenitore nel bacino. Essendo molto pesante sarebbe sparito, andando a fondo e per lungo tempo i sionisti non avrebbero potuto ovviare alla minaccia.
Talal sapeva che quello era il momento più difficile di tutta la missione, poiché lui aveva sempre amato l'acqua, grazie alla promessa fatta al nonno e perché gli faceva ricordare Nadira e il suo mare. Ancora amava quella ragazza, l'unica della sua vita anche se solo per un bacio.
La mente volò nuovamente via, leggera, trascinata dai ricordi.
Talal era stato mandato dal fratello alla scuola coranica perché venisse “raddrizzato” e giorno dopo giorno, aveva subito il lavaggio del cervello. I palestinesi non si erano mai sacrificati con attentati suicidi, non prima dell'undici settembre. Ora i suoi maestri gli insegnarono che la lotta, la jihad, passava anche attraverso il sacrificio estremo e che Allah lo avrebbe ricompensato grandemente. Per gli ulema, Talal era prezioso perché, grazie a un qualche strano incrocio genetico, il ragazzo aveva i capelli biondi, era di alta statura e con la carnagione chiara, simile a molti ashkenaziti, gli ebrei giunti dall'est Europa. Lo tennero sempre protetto, non lo mandarono mai a lanciare pietre contro i checkpoint, non lo fecero mai partecipare alle manifestazioni in cui venivano bruciate le bandiere degli Stati Uniti. Sapevano che i sionisti controllavano i filmati e non volevano che quel ragazzo venisse notato. Talal aveva imparato a parlare l'ebraico senza il tipico accento arabo ed era stato infiltrato diverse volte in Israele e sei mesi prima era stato assegnato alla sua gloriosa missione.
Nonostante le riserve, Talal non aveva potuto rifiutare e nemmeno lo avrebbe voluto. Lui odiava gli ebrei, anche se non credeva molto alla questione delle vergini che avrebbe ricevuto in premio nell'aldilà, nel caso fosse morto nell'attentato. Lui lo faceva per tutte le persone ammazzate dagli israeliani durante le demolizioni mirate per estirpare i terroristi, che così spesso colpivano anche civili inermi. Aveva accettato di farlo pensando ad Amina, a Fatima, ad Aziz, a Nidal, i bambini del suo villaggio uccisi in maniera indiscriminata. Sapeva anche che ormai era troppo tardi per comprendere di chi fosse davvero la colpa, se dell'esercito israeliano o delle milizie palestinesi, ma ormai non contava più: per lui esistevano solo il senso d'appartenenza e l'odio per il nemico.
Poche ore prima aveva eluso facilmente i controlli della polizia israeliana, spacciandosi per un militare in licenza, apparentemente desideroso di campeggiare sulle pendici delle montagne che circondavano il grande bacino idrico. Aveva dei documenti perfetti, falsificati in maniera straordinaria e il suo aspetto aveva fatto il resto. Dopo, risaliti i pendii, aveva potuto vedere come la missione fosse stata pianificata alla perfezione: tutto corrispondeva, i turni delle guardie, lo squarcio nella recinzione non ancora riparato, i sentieri nascosti che gli avevano permesso di giungere in cima non visto.
Talal guardò l'orologio: ormai non aveva più tempo poiché entro pochi istanti le guardie sarebbero tornate presso la sua posizione. Ammirò ancora l'immensa distesa d'acqua ed avvertì un groppo allo stomaco. Si chinò e impugnò il manico della tanica e nello stesso istante sentì delle voci che gli urlarono di farsi riconoscere. Talal rimase immobile e chiuse gli occhi attendendo di essere ucciso.
Eppure fu colto di sorpresa quando avvertì il doloroso impatto del proiettile contro la spalla destra, impatto che lo sbilanciò facendolo cadere in avanti, verso l'acqua. All'improvviso, ancora in volo verso la morte, si rese conto di non avere la tanica con sé, di aver lasciato andare l'impugnatura un attimo prima di essere colpito. Avrebbe quasi sorriso, se avesse potuto: lui l'acqua l'avrebbe rispettata, mantenendo così la promessa fatta al nonno.
Svenne e non avvertì l'urto contro il liquido che per il suo corpo fu come cemento, poiché stava cadendo da più di quaranta metri d'altezza. Venne letteralmente spezzato in due dall'impatto e morì sul colpo, finalmente in pace.
Fragmina verborum titivillus colligit horum
Quibus die mille vicibus se sarcinat ille.
L'Argomento è stato bloccato.

Re: [#7] Acqua (racconti) 15/10/2015 20:27 #16395

La Cura


Maria spostò di lato la tenda color sabbia e si affacciò all’interno. Il passaggio dalla luce abbagliante delle due del pomeriggio all’oscurità penetrante della capanna la rese momentaneamente cieca.
“C’è nessuno?”
La sua voce, un tempo seducente, ora metallica, infranse il silenzio del luogo. Attese qualche secondo, poi si decise ad entrare, portando avanti la stampella che usava ormai da qualche mese in aiuto della gamba destra.
La capanna aveva il tetto collocato su travi a vista e pareti laterali ricoperte di quello che sembrava fango secco. L’arredo era spartano: il letto era costituito da un materasso poggiato a terra e qualche coperta, c’era poi una sorta di angolo cucina, con un lavello pieno di piatti e pentole sporche, un armadio con ante sconnesse, un tavolino con tre sedie traballanti. In mezzo alla stanza c’era una vecchia stufa a legna di ghisa, da cui partiva un tubo che finiva al centro della cuspide del tetto. Una piccola porta conduceva ad un’altra stanza, forse un bagno.
Mentre si guardava ancora intorno, la porta si aprì e ne uscì un uomo minuto, o almeno fu quella la prima impressione.
Lunghi dreadlocks di un colore grigio cenere gli scendevano fino ai piedi, risaltando sulla carnagione scura. La barba era una sporca matassa rossastra che gli copriva bocca e mento, facendo risaltare occhi color smeraldo, vividi, che sembravano brillare nell’oscurità del luogo.
L’uomo era gobbo e profondamente magro, indossava solo un paio di vecchi bermuda tenuti su da una cintura di corda; le costole gli risaltavano sullo smunto torace.
“Chi sei?”
La sua domanda fu un sussurro, che tuttavia penetrò a fondo nelle orecchie della donna. Non sembrò spaventato, né infastidito, forse appena curioso.
“Buongiorno, signor Cosim, mi chiamo Maria. L’ho cercata per mesi e finalmente sono riuscita a trovarla.”
L’uomo la guardò un attimo, poi si avvicinò al tavolo e si lasciò cadere su una sedia, sembrando molto stanco.
“Questo lo vedo, ma ancora non mi hai risposto. Chi sei?”
Maria capì che lo sciamano non le stava chiedendo nomi, cognomi o luoghi di nascita.
“Sono una donna che sta per morire e sono qui per chiederle aiuto.”
“Non ti chiederò chi ti ha parlato di me, né per quale motivo tu stia per morire, dato mi daresti risposte che già conosco. Pertanto ti chiedo: come pensi di convincermi ad aiutarti?”
“Sono ricca, molto ricca.”
La donna si rese subito conto di aver risposto troppo velocemente e soprattutto con un argomento debole, per un uomo che viveva in una capanna in mezzo al deserto australiano, lontano centinaia di chilometri dal posto abitato più vicino.
Cosim si limitò a guardarla.
“Io, io...posso fare tutto ciò che desidera. Posso restare qui con lei a darle una mano, posso accompagnarla dove vuole...”
Mentre parlava si rese conto che non le importava più niente di niente, sarebbe potuta diventare una schiava di quell’uomo se solo l’avesse salvata.
“...posso...posso giacere con lei. Ero una bella donna un tempo, so che ora non sembra, ma se mi guarisse vedrebbe rifiorire la bellezza in me.”
I due occhi penetranti di Cosim restarono impassibili.
“Mi dica qualcosa, la prego. Mi aiuti! Sto morendo: il cancro alla gola mi ha portato via la voce e ora mi ha attaccato le gambe. Ho girato decine di medici, i migliori del mondo, ma nessuno è riuscito a fermare la malattia. Non sapevo più cosa fare...poi uno strano dottore americano che ho conosciuto mi ha raccontato di lei e di come lo aveva salvato. Non ci credevo, ma non mi restava altra scelta. Ed ora eccomi qui, davanti a lei. Mi aiuti, la prego!”
La voce metallica di Maria, proveniente dallo strumento impiantato nella sua gola, si produsse in vibrazioni equivalenti di singhiozzi, mentre la donna scoppiava a piangere.
Cosim rimase seduto a guardarla, senza proferire parola. Quando Maria si fu calmata, le si rivolse con il suo sussurro.
“Ha risposto alle domande che non le avevo fatto, ma non all’unica che le avevo diretto. Come pensi di convincermi ad aiutarti?”
Maria rimase in silenzio, sull’orlo di una nuova crisi di pianto.
“Non sei la prima e non sarai l’ultima, a giungere qui dal tuo mondo di effimera ricchezza, per chiedere a questo brutto e vecchio uomo il trucco dell’eterna giovinezza, della vita, dell’antidoto alla morte. E tutti mi portate soldi, oro, promesse di una vita migliore di quella che ho. Alcuni di voi tornano indietro e muoiono, altri muoiono qui, solo in pochi hanno avuto la capacità di capire, di illuminarsi con il profondo significato della Cura. Convincimi che tu sarai una di queste persone, o vattene, e muori.”
La donna tentò di controllare il tremore che si era impossessato delle sue membra, poi si avvicinò al tavolo, gettò la stampella in terra e si sedette, di fronte allo sciamano.
“Lascerò tutto, glielo prometto. Darò tutti i miei averi in beneficenza e vivrò nella carità, aiutando il prossimo. Mi salvi e lo farò seduta stante, lo giuro.”
“Ah!”
La risata di scherno dello sciamano rimbombò con un’eco nella capanna, facendola sobbalzare.
“Siete tutti uguali, dite tutti le stesse cose, fate tutti le stesse promesse. Penso che sia giunto per me il tempo di lasciare questo luogo, di sparire per sempre, così da non dover più sentire le vostre stolte parole. Addio.”
L’uomo fece per alzarsi.
“No!”
Maria sbottò, nella sua voce metallica. Lo sciamano si fermò a guardarla.
“Non può farlo! Lei non ha il diritto di andarsene, portandosi via la Cura e la possibilità di salvare tanta gente nel mondo. Sì, ha ragione: magari alcuni non la meritano, io per prima, per tutte le cose terribili che ho fatto in vita mia. Ma non può togliere questo dono a tanti altri che invece la meriterebbero!”
Cosim le si avvicinò lentamente, fino a posarle una mano sopra la spalla.
“Eccoti qui Maria, benvenuta, ora ti conosco, ora mi hai convinto.”
La donna restò allibita.
“Ora sei pronta a ricevere la Cura, ma sappi che potresti non superarne gli effetti, e perire.”
L’uomo si alzò con fatica e si avvicinò lentamente all’armadio. Tirò una delle ante scardinate e prese un otre di pelle. Lo trasportò fino al tavolo, poggiandocelo sopra, poi si rimise a sedere.
“Settantotto anni fa, quando ero vicino ai sessant’anni, mi diagnosticarono un cancro incurabile. Decisi quindi di girare il mondo per il poco tempo che mi restava da vivere. Giunto a pochi chilometri da qui, mi imbattei in una fonte che sgorgava tra due rocce. Avevo quasi finito la riserva d’acqua e, in barba alle più semplici nozioni di esplorazione, ossia di non bere da fonti naturali se non dopo averle analizzate, mi feci una bella bevuta. Del resto, al massimo sarei morto, cosa che tanto mi sarebbe comunque successa da lì a poco tempo. Ebbene, non morii, ma ci andai vicino. Rimasi tre giorni e tre notti preda di allucinazioni febbrili. Quando ripresi pienamente i sensi ero stremato, ma mi sentivo diverso. Tornai alla civiltà e scoprii ben presto che ero guarito. Da allora mi sono stabilito qui.”
Maria guardò l’otre.
“Quindi qui dentro c’è quell’acqua? Ma cosa contiene di preciso? L’avete mai fatta analizzare?”
“Tanti anni fa ero una persona molto più sciocca di quella che sono ora. Pertanto sì, l’ho fatta analizzare a suo tempo. Questa è acqua, pura acqua. Senza la minima traccia di ioni di alcun tipo, senza batteri, virus o qualsiasi altra specie vivente o non vivente. Molecole di semplice acqua, tutte legate direttamente fra loro, senza alcuna interferenza. Sgorga così, dalle rocce; qualunque chimico o fisico al mondo ti direbbe che è impossibile. Però è qui, dentro questo otre, e ti aspetta.”
La donna afferrò l’otre.
“Ho sempre saputo che bere acqua completamente pura, distillata, può uccidere. E’ incredibile che per curarmi io stia per fare una cosa del genere.”
“Non preoccuparti della prima fase di sofferenza, pensa alla seconda, dove verrai curata.”
Maria cominciò a bere, con avidità. Sorso dopo sorso, l’otre si svuotava. La donna continuò, incitata dallo sciamano. Quando finì di bere tutti quei litri, si sentì stanca. Cosim le consigliò di distendersi sul materasso e di chiudere gli occhi. Si sarebbe svegliata in una nuova vita.
Il giorno seguente, lo sciamano portò Maria ad una piccola collinetta distante un centinaio di metri dalla capanna.
“Non sei stata la prima, non sarai l’ultima. Quanti ne dovrò ricevere ancora? Maledetto americano, l’otre con la Cura che mi fregasti quel giorno di tanti anni fa sarà ormai finito, e prima o poi sarai costretto a tornare da me, per sfuggire di nuovo alla morte. Quel giorno sarò qui ad aspettarti e ti preparerò un otre di acqua distillata, come a tutti coloro che ti hanno preceduto in questi anni, così finalmente ti unirai a loro.”
Sbatté la pala sul cumulo di terra sotto al quale giaceva Maria ed abbracciò con lo sguardo la collinetta, ricoperta di tumuli.
“Non mi ruberete la Cura, mai!”
Fragmina verborum titivillus colligit horum
Quibus die mille vicibus se sarcinat ille.
L'Argomento è stato bloccato.

Re: [#7] Acqua (racconti) 15/10/2015 23:13 #16396

Pioggia

Sdraiato nel letto sento il ticchettio della pioggia che come tanti proiettili colpisce qualunque cosa trovi sul percorso senza far male a nessuno.
Esco di casa.
L'acqua scivola lasciando una scia che sceglie scorciatoie scoscese lungo la discesa.
Un profondo silenzio percorre la strada.
Stupito resto a guardare lo spettacolo che la pioggia mi sta offrendo.
I pensieri discioltisi nella scia scivolosa riaffiorano ad uno ad uno a galla.
Lo spettacolo è chiuso.
Fragmina verborum titivillus colligit horum
Quibus die mille vicibus se sarcinat ille.
Ultima modifica: 15/10/2015 23:15 Da Titivillus.
L'Argomento è stato bloccato.
  • Pagina:
  • 1
Tempo generazione pagina: 0.47 secondi
Copyright © 2019 UniVersi. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.