"Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che venga poi scoperto." (Italo Calvino)
Benvenuto, Ospite
Nome Utente Password: Ricordami

[#1] Il ritorno (Commenti)
(1 Online) (1) Ospite

ARGOMENTO: [#1] Il ritorno (Commenti)

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 19:52 #18252

Tavajigen ha scritto:


Punto di non ritorno - 6,5

La storia non l'ho trovata molto appassionante, ma l'autore è stato bravo a trasmettere i sentimenti provati dal protagonisti, quel misto (o forse alternanza) di nostalgia della vita lasciata o mai vissuta e di voglia di buttarsi nell'incognito, caratteristica di ogni viaggiatore.



Grazie Tava, è un racconto ovviamente molto introspettivo e quindi può interessare o risultare noioso. Personalmente ho ricercato lo stile più che la profondità di trama, mi interessava più trasmettere un'emozione (realmente provata, dato che è una "storia" se così posso chiamarla vera). Mi fa piacere che sia passata!

scarpax73 ha scritto:


punto di non ritorno

Anche questo racconto mi è piaciuto, ben costruito, scritto bene, ho poco da dire se non che l’ho letto davvero con gusto...a parte il fatto che Kerouac è uno dei miei scrittori preferiti in assoluto e in questo racconto ha trovato una bella collocazione (differentemente mi sarei messo a urlare e a dire le peggio cose). Complimenti



Ma lo sai che mi stai simpatico?

Grazie del bel commento. Per quanto riguarda Kerouac, on the road è probabilmente il mio libro preferito, e la figura di Dean mi affascina terribilmente. (Mi sono per altro appena procurato il romanzo di Neal Cassady, amico di Kerouac a cui lo stesso Dean è appunto ispirato, the first third - appena ho un attimo lo leggo).

Ciò detto, ero molto in dubbio se lasciare quel paragrafo - ho sempre paura che parlare di un'altra opera possa risultare arrogante, come a voler insegnare qualcosa a qualcuno. Specialmente nel contesto di un modo di scrivere come credo il mio sia che a sua volta ha qualcosa di un po' snob. Mi fa molto piacere tu abbia apprezzato la citazione e che non ti sia parsa eccessiva o indelicata

Edit: grammatica dolce grammatica
  • Asintoto
  • Offline
  • Premio Pulitzer
  • Messaggi: 655
Ultima modifica: 18/03/2018 20:14 Da Asintoto.

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 20:00 #18253

scarpax73 ha scritto:
La notte dei cristalli: 6
Storia quasi noiosa per quanto mi riguarda, ho interrotto la lettura tre volte - ben scritta, stile interessante ma un po` piatta. Forse troppa carne al fuoco in cosi` pochi caratteri, tra fidanzato e padre. Alcuni errori che dimostrano non rilettura abbassano un po` il voto (oro invece di loro, maiuscola dopo la virgola, un periodo ballerino verso la fine).

Hai perfettamente ragione, ho fatto molta ricerca storica per far combaciare tutto, ma alla fine il racconto ha pagato tutto ciò risultando un po’ piatto, avrebbe meritato una voce narrante più forte e uno sviluppo più arioso, ma alla fine stanchezza e tempi stretti hanno prevalso. Confesso, non ho riletto...e io che mi cazzio sempre gli altri per questo motivo.
grazie per il commento


Rileggendo ora ho visto che il commento (che avevo scritto a caldo) si focalizza solo sulle cose negative.

La ricerca storica si vede dal contesto è ricostruito alla perfezione, e lo stile mi è piaciuto. Secondo me se lo riscrivessi anche solo con il doppio dei caratteri riusciresti a sviluppare con più calma trama e personaggi e verrebbe un lavorone. In uno spazio più ridotto come questo, è -perdona l'analogia rivedibile- più un documentario che un film, dal punto di vista emotivo mi ha lasciato poco e non mi sono immedesimato nei personaggi
  • Asintoto
  • Offline
  • Premio Pulitzer
  • Messaggi: 655

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 20:02 #18254

La notte dei cristalli - 7

Racconto appassionante e con un ottimo colpo di scena finale, per me inaspettato. Paga
un po' troppo la brevità: meritava uno sviluppo più costruito, dato che narra vicende
che percorrono un arco di tempo non breve. Vince la tornata.


Grazie Tava per il commento, sono contento che tu abbia apprezzato il finale, è forse la cosa migliore del racconto oltre alla ricerca storica, ma hai ragione nel dire che avrebbe meritato uno sviluppo migliore.
Tra l’altro l’ispirazione a questo racconto mi è stata data da un documentario “la segretaria di Goering” che vi consiglio, ad un certo punto questa donna narrava di come suo padre fosse tornato a casa dopo la prima guerra mondiale e per lei e i suoi fratelli fosse praticamente un estraneo.
  • scarpax73
  • Offline
  • Premio Pulitzer
  • Messaggi: 581
Ultima modifica: 18/03/2018 20:08 Da scarpax73.

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 20:08 #18255

Asintoto ha scritto:
scarpax73 ha scritto:
La notte dei cristalli: 6
Storia quasi noiosa per quanto mi riguarda, ho interrotto la lettura tre volte - ben scritta, stile interessante ma un po` piatta. Forse troppa carne al fuoco in cosi` pochi caratteri, tra fidanzato e padre. Alcuni errori che dimostrano non rilettura abbassano un po` il voto (oro invece di loro, maiuscola dopo la virgola, un periodo ballerino verso la fine).

Hai perfettamente ragione, ho fatto molta ricerca storica per far combaciare tutto, ma alla fine il racconto ha pagato tutto ciò risultando un po’ piatto, avrebbe meritato una voce narrante più forte e uno sviluppo più arioso, ma alla fine stanchezza e tempi stretti hanno prevalso. Confesso, non ho riletto...e io che mi cazzio sempre gli altri per questo motivo.
grazie per il commento


Rileggendo ora ho visto che il commento (che avevo scritto a caldo) si focalizza solo sulle cose negative.

La ricerca storica si vede dal contesto è ricostruito alla perfezione, e lo stile mi è piaciuto. Secondo me se lo riscrivessi anche solo con il doppio dei caratteri riusciresti a sviluppare con più calma trama e personaggi e verrebbe un lavorone. In uno spazio più ridotto come questo, è -perdona l'analogia rivedibile- più un documentario che un film, dal punto di vista emotivo mi ha lasciato poco e non mi sono immedesimato nei personaggi


Graziep per la precisazione, potrei rimettermici...lo potrei fare diventare un romanzo...ma non accadrà mai ...anche se il canovaccio non è male.
  • scarpax73
  • Offline
  • Premio Pulitzer
  • Messaggi: 581

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 20:18 #18256

Asintoto ha scritto:
scarpax73 ha scritto:
La notte dei cristalli: 6
Storia quasi noiosa per quanto mi riguarda, ho interrotto la lettura tre volte - ben scritta, stile interessante ma un po` piatta. Forse troppa carne al fuoco in cosi` pochi caratteri, tra fidanzato e padre. Alcuni errori che dimostrano non rilettura abbassano un po` il voto (oro invece di loro, maiuscola dopo la virgola, un periodo ballerino verso la fine).

Hai perfettamente ragione, ho fatto molta ricerca storica per far combaciare tutto, ma alla fine il racconto ha pagato tutto ciò risultando un po’ piatto, avrebbe meritato una voce narrante più forte e uno sviluppo più arioso, ma alla fine stanchezza e tempi stretti hanno prevalso. Confesso, non ho riletto...e io che mi cazzio sempre gli altri per questo motivo.
grazie per il commento


Rileggendo ora ho visto che il commento (che avevo scritto a caldo) si focalizza solo sulle cose negative.

La ricerca storica si vede dal contesto è ricostruito alla perfezione, e lo stile mi è piaciuto. Secondo me se lo riscrivessi anche solo con il doppio dei caratteri riusciresti a sviluppare con più calma trama e personaggi e verrebbe un lavorone. In uno spazio più ridotto come questo, è -perdona l'analogia rivedibile- più un documentario che un film, dal punto di vista emotivo mi ha lasciato poco e non mi sono immedesimato nei personaggi



Cmq non l'ho interpretato come un giudizio negativo...È stata una giusta critica ad un lavoro che poteva essere fatto molto meglio
  • scarpax73
  • Offline
  • Premio Pulitzer
  • Messaggi: 581

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 20:28 #18257

Il ritorno dei filantropi: 4,5 Non mi ha colpito, credo più per come è stata sviluppata l'idea, che per l'idea in sé. La struttura mi pare troppo cadenzata, con i capoversi ridotti a una sola frase (questo mi ha quasi dato un senso di fastidio alla lettura) e nel complesso finisce per dare l'idea di una cronaca fredda e affrettata. Stona poi il finale, quasi retorico, buttato lì dove invece poteva esserci il punto di svolta della storia.
Devo anche segnalare un errore da matita blu (non voglio fare il pignolo, ma magari è utile saperlo): confarsi è un verbo intransitivo e pronominale; il suo - credo - unico uso possibile in quella frase sarebbe "criteri precisi che si confacessero al meglio alle condizioni dei poveri animali".

I codardi tornano a casa: 5 Anche questo è un racconto che non mi è piaciuto principalmente per lo stile di scrittura. Tutta la parte centrale, il corpo del racconto, indulge in descrizioni eccessive, quasi barocche in certi punti. Penso di intuire che l'intenzione dell'autore sia di dare una sensazione onirica a questa parte. Forse in parte ci riesce, ma la sensazione è che il sogno sia quello di un altro, lontano, fastidiosamente sovrapposto al nostro, quasi come in un'interferenza. È una scrittura che non mi coinvolge, ma indulge in sé stessa e soverchia i contenuti narrativi.
Recupera punti col finale, che mi ha sorpreso e spiazzato laddove credevo di intravedere un canovaccio più banale. Tra l'altro chiusa finale molto bella, secca e asciutta a differenza della parte descrittiva.

Punto di non ritorno: 7,5+PC Coinvolgere con le "storie" è facile, quando la storia è buona. Coinvolgere con le riflessioni, raccontare emozioni, sensazioni e soggettività, ma soprattutto saperle comunicare e far immedesimare chi legge, invece richiede essere buoni scrittori come condizione indispensabile. Credo sia questo il caso. Per me miglior racconto e mio premio della critica.

Sin City: 6,5 Storia un po' prevedibile, specie sul finale. Vedo che il "ritorno" dalla morte/coma è stata la suggestione principale di questa tornata; questo è però il racconto che si lascia interpretare prima e più facilmente in questo senso e a cui riesce meno l'effetto sorpresa del finale. È comunque un racconto ben scritto e piacevole da leggere (forse con qualche basso nelle parti dialogiche, ma è probabilmente un'impressione soggettiva e comunque non va a intaccare molto l'impressione generale).

La notte dei cristalli: 5,5 Si scorre molto rapidamente su vicende che si sviluppano su un arco temporale molto ampio e questa corsa, invece di fermarsi all'introduzione, arriva fino al finale, buttato giù in poche righe con la stessa velocità di narrazione, che mai rallenta. Alla fine l'impressione è quella di un riassunto e tale è, ahimè, il coinvolgimento del lettore. Qualche alto nel tratteggiare la figura del padre, che riesce a emergere nonostante l'affrettatezza del racconto.

Vendetta: 6 Giudizio inficiato dal fatto che la storia mi è parsa esageratamente irreale dall'inizio alla fine. Non mi ha coinvolto per nulla, sebbene una scrittura di buon livello (si è giocata il mio premio della critica) mi abbia fatto arrivare alla fine senza sforzo.
  • White Lord
  • Offline
  • Direttore Editoriale
  • Messaggi: 1187
"Le Poète est semblable au prince des nuées
Qui hante la tempête et se rit de l'archer;
Exilé sur le sol au milieu des huées,
Ses ailes de géant l'empêchent de marcher."
Ultima modifica: 18/03/2018 20:30 Da White Lord.

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 20:32 #18258

Tavajigen ha scritto:
White, puoi scrivere anche fino a domani, non mi smuoverai mai dalla mia convinzione. Questo lo considero un concorso per prosa e non per poesia, qualunque considerazione tu possa fare. Mi dispiace ma è così.
Se per te o per altri farò un errore, beh, pace.


Prendo atto. Non hai argomentato minimamente, ma non posso costringerti a farlo.
  • White Lord
  • Offline
  • Direttore Editoriale
  • Messaggi: 1187
"Le Poète est semblable au prince des nuées
Qui hante la tempête et se rit de l'archer;
Exilé sur le sol au milieu des huées,
Ses ailes de géant l'empêchent de marcher."

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 20:36 #18259

Asintoto ha scritto:
Si potrebbe cercare una via di mezzo. Ad esempio dedicare 1-2 tornate del concorso a qualunque forma di espressione scritta, ovvero con la chiara esclusione del termine "racconto" limitatamente a quelle tornate, con il limite delle 12k battute.

Per quanto raramente questo succeda, penso che White non abbia tutti i torti - un po' di varietà potrebbe essere positiva per il concorso, magari attirando alla scrittura nuovi che non siano così interessati/self confident nel racconto in senso stretto ma si butterebbero in qualcosa di diverso.


Insisto però con forza nella mia affermazione che il testo poetico non è mai stato esplicitamente escluso da UniVersi (anzi ho testimoniato che vi appartiene) e che la dicitura "racconto", senza la specifica "in prosa" non possa escludere certe forme stilistiche.

Poi se le si vorrà escludere in futuro è un altro paio di maniche.
  • White Lord
  • Offline
  • Direttore Editoriale
  • Messaggi: 1187
"Le Poète est semblable au prince des nuées
Qui hante la tempête et se rit de l'archer;
Exilé sur le sol au milieu des huées,
Ses ailes de géant l'empêchent de marcher."

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 20:40 #18260

Asintoto ha scritto:
Tavajigen ha scritto:


Punto di non ritorno - 6,5

La storia non l'ho trovata molto appassionante, ma l'autore è stato bravo a trasmettere i sentimenti provati dal protagonisti, quel misto (o forse alternanza) di nostalgia della vita lasciata o mai vissuta e di voglia di buttarsi nell'incognito, caratteristica di ogni viaggiatore.



Grazie Tava, è un racconto ovviamente molto introspettivo e quindi può interessare o risultare noioso. Personalmente ho ricercato lo stile più che la profondità di trama, mi interessava più trasmettere un'emozione (realmente provata, dato che è una "storia" se così posso chiamarla vera). Mi fa piacere che sia passata!

scarpax73 ha scritto:


punto di non ritorno

Anche questo racconto mi è piaciuto, ben costruito, scritto bene, ho poco da dire se non che l’ho letto davvero con gusto...a parte il fatto che Kerouac è uno dei miei scrittori preferiti in assoluto e in questo racconto ha trovato una bella collocazione (differentemente mi sarei messo a urlare e a dire le peggio cose). Complimenti



Ma lo sai che mi stai simpatico?



Simpatico qui, finora, non me lo aveva detto mai nessuno...
  • scarpax73
  • Offline
  • Premio Pulitzer
  • Messaggi: 581

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 20:43 #18261

La notte dei cristalli: 5,5 Si scorre molto rapidamente su vicende che si sviluppano su un arco temporale molto ampio e questa corsa, invece di fermarsi all'introduzione, arriva fino al finale, buttato giù in poche righe con la stessa velocità di narrazione, che mai rallenta. Alla fine l'impressione è quella di un riassunto e tale è, ahimè, il coinvolgimento del lettore. Qualche alto nel tratteggiare la figura del padre, che riesce a emergere nonostante l'affrettatezza del racconto


Gazie per il commento non mi voglio ripetere ma sono d'accordo con la tua analisi e quella di asintoto.
  • scarpax73
  • Offline
  • Premio Pulitzer
  • Messaggi: 581

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 20:47 #18262

White Lord ha scritto:
Non hai argomentato minimamente



LOL, solo perché i miei argomenti non ti piacciono allora automaticamente vuol dire che non ho argomentato, ok. Prendo atto (cit.)
  • Tavajigen
  • Offline
  • Direttore Marketing
  • Messaggi: 2683
Ehi dol! Bel dol! Suona un dong dillo!
Suona un dong! Salta ancor! Salice bal billo!
Tom Bom, bel Tom, Tom Bombadillo!

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 20:56 #18263

Asintoto ha scritto:
Si potrebbe cercare una via di mezzo. Ad esempio dedicare 1-2 tornate del concorso a qualunque forma di espressione scritta, ovvero con la chiara esclusione del termine "racconto" limitatamente a quelle tornate, con il limite delle 12k battute.

Per quanto raramente questo succeda, penso che White non abbia tutti i torti - un po' di varietà potrebbe essere positiva per il concorso, magari attirando alla scrittura nuovi che non siano così interessati/self confident nel racconto in senso stretto ma si butterebbero in qualcosa di diverso.



Sì sì possiamo o potete fare di tutto, sono aperto a qualsiasi idea. Poi quasi sicuramente io non parteciperei, ma solo per mia incapacità.
  • Tavajigen
  • Offline
  • Direttore Marketing
  • Messaggi: 2683
Ehi dol! Bel dol! Suona un dong dillo!
Suona un dong! Salta ancor! Salice bal billo!
Tom Bom, bel Tom, Tom Bombadillo!

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 20:57 #18264

scarpax73 ha scritto:
sin city

Mmmm….E’ scritto molto bene, ma sinceramente non mi è piaciuto, E’ una questione di gusto, nient’altro. E’ una storia che non racconta nient’altro che quello che si legge. Per me non ha l’atmosfera de “i codardi tornano a casa” o la voce limpida di “punto di non ritorno”. Tocca la superficie, ma non entra nell’anima.



Capisco bene il tuo commento, avrei dovuto dedicare molto più tempo al racconto, scrivere molto di più, ma non avevo assolutamente tempo (e forse non ne sarei mai stato capace). Grazie del commento!
  • Tavajigen
  • Offline
  • Direttore Marketing
  • Messaggi: 2683
Ehi dol! Bel dol! Suona un dong dillo!
Suona un dong! Salta ancor! Salice bal billo!
Tom Bom, bel Tom, Tom Bombadillo!

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 21:00 #18265

scarpax73 ha scritto:
Tra l’altro l’ispirazione a questo racconto mi è stata data da un documentario “la segretaria di Goering” che vi consiglio, ad un certo punto questa donna narrava di come suo padre fosse tornato a casa dopo la prima guerra mondiale e per lei e i suoi fratelli fosse praticamente un estraneo.



Non so se l'ho già visto, non ricordo, però ti posso assicurare che questo tipo di trama l'ho già sentita altre volte. Il colpo di scena finale è stato il maggior punto di forza del racconto secondo me (oltre che la ricostruzione accurata).
  • Tavajigen
  • Offline
  • Direttore Marketing
  • Messaggi: 2683
Ehi dol! Bel dol! Suona un dong dillo!
Suona un dong! Salta ancor! Salice bal billo!
Tom Bom, bel Tom, Tom Bombadillo!
Ultima modifica: 18/03/2018 21:00 Da Tavajigen.

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 21:03 #18266

White Lord ha scritto:
Sin City: 6,5 Storia un po' prevedibile, specie sul finale. Vedo che il "ritorno" dalla morte/coma è stata la suggestione principale di questa tornata; questo è però il racconto che si lascia interpretare prima e più facilmente in questo senso e a cui riesce meno l'effetto sorpresa del finale. È comunque un racconto ben scritto e piacevole da leggere (forse con qualche basso nelle parti dialogiche, ma è probabilmente un'impressione soggettiva e comunque non va a intaccare molto l'impressione generale).



Hai centrato praticamente tutto. Per evitare la prevedibilità e per curare meglio i dialoghi e in toto il racconto avrei dovuto dedicare più tempo e parole, cosa che non ho avuto. Alla fine comunque sto cominciando a pensare che forse mi piace scrivere così, tirato via, altrimenti il tempo credo che lo troverei. Grazie per il commento!
  • Tavajigen
  • Offline
  • Direttore Marketing
  • Messaggi: 2683
Ehi dol! Bel dol! Suona un dong dillo!
Suona un dong! Salta ancor! Salice bal billo!
Tom Bom, bel Tom, Tom Bombadillo!

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 21:32 #18267

Tavajigen ha scritto:
White Lord ha scritto:
Non hai argomentato minimamente



LOL, solo perché i miei argomenti non ti piacciono allora automaticamente vuol dire che non ho argomentato, ok. Prendo atto (cit.)


Mi si perdoni. Non è mia intenzione trascinare un confronto sul piano della polemica. Ma a maggior ragione mi difendo e chiarisco: non mi pare di aver voluto ignorare argomentazioni. Se ne hai presentate e non le ho viste ti chiedo scusa e ti chiedo la cortesia di rievidenziarmele.

Mi è sembrato che l'unica parvenza di argomentazione sia un riferimento a Wikipedia. Mi scuserai, ma per me Wikipedia ha valore fattuale zero, a meno che l'informazione ivi riportata non abbia fonti valide e autorevoli fra i riferimenti. Ti ho comunque risposto con l'esistenza in letteratura del racconto in versi.
Le mie argomentazioni, che potresti anche giudicare non valide e stroncare, le hai per lo più ignorate. Per il resto mi hai risposto a più riprese che la pensi così e non ti importa cosa io possa scrivere o persino aggiungere alle argomentazioni che ho già messo sul tavolo, ma non cambierai idea per nessun motivo... Ok, ma non è un muro che metto io, pur convinto al 101% della mia posizione.
  • White Lord
  • Offline
  • Direttore Editoriale
  • Messaggi: 1187
"Le Poète est semblable au prince des nuées
Qui hante la tempête et se rit de l'archer;
Exilé sur le sol au milieu des huées,
Ses ailes de géant l'empêchent de marcher."
Ultima modifica: 18/03/2018 21:40 Da White Lord.

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 22:52 #18268

White Lord ha scritto:
Mi è sembrato che l'unica parvenza di argomentazione sia un riferimento a Wikipedia. Mi scuserai, ma per me Wikipedia ha valore fattuale zero, a meno che l'informazione ivi riportata non abbia fonti valide e autorevoli fra i riferimenti.



Ho preso il primo link a caso, se vuoi ti linko garzanti, sperando che sia una fonte autorevole:
www.garzantilinguistica.it/ricerca/?q=racconto

Comunque mi pare inutile continuare la cosa, tanto restiamo ognuno della propria opinione. Te vedi più elasticità nella definizione, io non ne vedo. Non so chi possa avere torto o ragione, magari il torto ce l'ho io visto che per rilanciare il concorso potremmo accettare qualsiasi forma letteraria, ma questa resta la mia idea e non la cambio.
  • Tavajigen
  • Offline
  • Direttore Marketing
  • Messaggi: 2683
Ehi dol! Bel dol! Suona un dong dillo!
Suona un dong! Salta ancor! Salice bal billo!
Tom Bom, bel Tom, Tom Bombadillo!

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 18/03/2018 23:57 #18270

VOTI

La notte dei cristalli – 6 (l'ho letto con piacere, ma l'ho trovato quasi fuori tema. Solo per il fatto che il papà torna a casa non mi pare che sia "il ritorno" il tema centrale del racconto)-

Sin City – 5 (storia poco interessante. Ne capitano a milioni, banalotta. Ma in tema)

Punto di non ritorno – 5.5 (boh... il tema "il ritorno" dov'è?)

I codardi tornano a casa – 5 (troppo incasinato. ma anche qua... "il ritonro"?)

Il ritorno dei filantropi - 5 (simpatico. L'ho allacciato al periodo delle elezioni. Ma completamente fuori tema. per questo ho penalizzato il voto. Non c'è assolutamente niente che lo allacci al tema "il ritorno").


come capitava in passato quando partecipavo ad universi in passato si da poca importanza al tema. Ma se il tema è "il gelato al melone" in centro del racconto deve essere "il gelato al melone". Non scrivere "Amanda stava mangiano il gelato al melone...." e poi raccontare di quando amanda si laureò col massimo dei voti alla Oxford university. Non c'entra una beata mazza col tema. scusate il francesismo.
  • Acciaio
  • Offline
  • Premio Pulitzer
  • Messaggi: 524

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 19/03/2018 00:56 #18271

scarpax73 ha scritto:
Asintoto ha scritto:
scarpax73 ha scritto:
La notte dei cristalli: 6
Storia quasi noiosa per quanto mi riguarda, ho interrotto la lettura tre volte - ben scritta, stile interessante ma un po` piatta. Forse troppa carne al fuoco in cosi` pochi caratteri, tra fidanzato e padre. Alcuni errori che dimostrano non rilettura abbassano un po` il voto (oro invece di loro, maiuscola dopo la virgola, un periodo ballerino verso la fine).

Hai perfettamente ragione, ho fatto molta ricerca storica per far combaciare tutto, ma alla fine il racconto ha pagato tutto ciò risultando un po’ piatto, avrebbe meritato una voce narrante più forte e uno sviluppo più arioso, ma alla fine stanchezza e tempi stretti hanno prevalso. Confesso, non ho riletto...e io che mi cazzio sempre gli altri per questo motivo.
grazie per il commento


Rileggendo ora ho visto che il commento (che avevo scritto a caldo) si focalizza solo sulle cose negative.

La ricerca storica si vede dal contesto è ricostruito alla perfezione, e lo stile mi è piaciuto. Secondo me se lo riscrivessi anche solo con il doppio dei caratteri riusciresti a sviluppare con più calma trama e personaggi e verrebbe un lavorone. In uno spazio più ridotto come questo, è -perdona l'analogia rivedibile- più un documentario che un film, dal punto di vista emotivo mi ha lasciato poco e non mi sono immedesimato nei personaggi



Cmq non l'ho interpretato come un giudizio negativo...È stata una giusta critica ad un lavoro che poteva essere fatto molto meglio


Ci tenevo a specificare perché il commento era più negativo di quanto intendessi, non volevo indorare la pillola - personalmente non amo racconti molto elaborati come trama in pochi caratteri, il che mi ha fatto sottolineare di più i lati negativi. Ci tenevo a precisare
  • Asintoto
  • Offline
  • Premio Pulitzer
  • Messaggi: 655

Re: [#1] Il ritorno (Commenti) 19/03/2018 01:03 #18272

White Lord ha scritto:

Punto di non ritorno: 7,5+PC Coinvolgere con le "storie" è facile, quando la storia è buona. Coinvolgere con le riflessioni, raccontare emozioni, sensazioni e soggettività, ma soprattutto saperle comunicare e far immedesimare chi legge, invece richiede essere buoni scrittori come condizione indispensabile. Credo sia questo il caso. Per me miglior racconto e mio premio della critica.


Sono quasi commosso - per quanto secondo me esageri, ma questi complimenti da te li prendo volentieri
Un racconto del genere secondo me colpisce chi ha provato sensazioni simili a quelle raccontate, spero che non sia il tuo caso. Vorrà dire che per questa volta ti perdonerò per aver vinto al fanta con un goal di Albiol, che non vedeva la porta da due anni.
La prossima tornata partecipa anche tu mi raccomando, che facciamo i voti di scambio come i politici di successo!

Acciaio ha scritto:


Punto di non ritorno – 5.5 (boh... il tema "il ritorno" dov'è?)



Il ritorno da un viaggio di una ragazza fa prendere consapevolezza al protagonista che per lui non esiste ritorno, in quanto non c'è un posto che chiami casa. Da qui il titolo, punto di non ritorno
  • Asintoto
  • Offline
  • Premio Pulitzer
  • Messaggi: 655
Ultima modifica: 19/03/2018 01:04 Da Asintoto.
Tempo generazione pagina: 0.56 secondi
Copyright © 2018 UniVersi. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.